IL PRESIDIO RIABILITATIVO “MONS. POGLIANI”

L'ingresso del presidio riabilitativo

Il presidio riabilitativo “Mons. Pogliani”, in accordo con il Piano Nazionale di indirizzo per la Riabilitazione del 2011, offre la possibilità di ricovero a pazienti fin dal primo momento dell’uscita dallo stato di acuzie, in modo da poter iniziare al più presto il trattamento per il recupero del massimo livello di autonomia, sul piano fisico, psicologico e sociale, la migliore capacità di interazione con l’ambiente e la migliore qualità di vita, nonché di ridurre la dipendenza da terzi e diminuire le esigenze di ri-ospedalizzazione.

 

Il Presidio Riabilitativo è dedicato all’attività di riabilitazione plurispecialistica intensiva ed estensiva. L’attività di riabilitazione è sostenuta dallo scopo preciso di restituire al malato, con il massimo recupero di autosufficienza, la migliore qualità di vita possibile e il reinserimento nella vita sociale.

 

Il Presidio Riabilitativo “Mons. Pogliani” è una struttura socio-sanitaria autorizzata dal Comune di Loano, accreditata con la Regione Liguria e contrattualizzata con l’Asl 2 savonese.

 

DESTINATARI:

Soggetti con esiti di patologie neurologiche e ortopediche (traumatologiche post-chiurgiche).

In particolare il Presidio Riabilitativo “Mons. Pogliani” offre recupero funzionale motorio a:

  • soggetti sottoposti ad interventi ortopedici di protesi (anca, ginocchio)
  • soggetti colpiti da lesione neurologica a seguito di insulto vascolare (stroke)
  • soggetti sottoposti a terapie chirurgiche ortopediche post-trauma(fratture femorali, ma anche esiti di politrauma stradale)
  • disabilità legata a malattie neurologiche (sclerosi multipla, parkinson) o a patologie dell'apparato locomotore a carattere progressivo (Artrite Reumatoide, Paget, etc)
  • sindromi da allettamento

 

OBIETTIVI:

Indipendentemente dalla specificità del danno il Presidio Riabilitativo rappresenta un nodo della rete riabilitativa in grado di intervenire ad ogni livello nell’ ambito dei target individuati dal PSR:

  • Stabilità internistica
  • Funzioni vitali di base
  • Funzioni sensomotorie
  • Autonomia e Cura della persona
  • Mobilità e trasferimenti
  • Riadattamento e Reinserimento sociale
  • Competenze comunicativo relazionali
  • Competenze cognitivo comportamentali
Uno scorcio del parco del presidio

 

LE ATTIVITÀ RIABILITATIVE ESERCITATE

  1. Chinesiterapia delle articolazioni e della colonna: interventi rivolti a tutte le affezioni dolorose,o che danno limitazione funzionale di origine “meccanica”, che interessano le articolazioni compresa la colonna; secondarie ad esiti traumatici, a chirurgia ricostruttiva, finalizzate al recupero del completo movimento articolare possibile. Terapia di tipo manuale.
  2. Rieducazione funzionale: interventi riabilitativi che esercitano o correggono funzioni deficitarie anche con l’uso di ausili. Sono interventi successivi a recupero di funzionalitàsegmentarie (muscolari, articolari o neurologiche) da reintegrare nelle abilità globali del soggetto.
  3. Rieducazione del linguaggio e della funzione deglutitoria: interventi rivolti a pazienti che presentano disturbi della comunicazione,sia nella comprensione che nella espressione del linguaggio e pazienti con alterazioni della deglutizione. Si tratta di tecniche specifiche (neurolinguistiche) che mirano al recupero della funzione compromessa.
  4. Rieducazione neuromotoria: interventi terapeutici rivolti a pazienti con disturbi del movimento e del controllo spazio-temporale, di origine neurologica (paresi/paralisi) finalizzatial recupero o sviluppo delle competenze motorie assenti attraverso tecniche specifiche. Richiedono una relazione terapeutica significativa terapista/paziente e si esauriscono con il recupero compatibile con la lesione.
  5. Terapia fisica e massaggi: attività rivolta a problematiche principalmente di tipo algicodegenerativo, più tipiche negli anziani: trattasi di terapia antalgica sintomatologica eseguita con mezzi fisici attraverso apparecchiature elettromedicali. A queste applicazioni può essereabbinato il massaggio e la mobilizzazione segmentaria.
  6. Counselling psicologico: interventi di supporto psicologico sia individuali sia di gruppo finalizzati ad ottimizzare il percorso globale di riabilitazione. Sostegno psicologico, laddovenecessario, esteso anche ai famigliari del paziente.
Queste prestazioni riabilitative sono erogate dal Presidio Riabilitativo con le seguenti modalità:
  • DEGENZA RIABILITATIVA
  • DAY HOSPITAL RIABILITATIVO
  • AMBULATORIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE
  • ATTIVITÀ FISICA ADATTATA
  • RIABILITAZIONE DOMICILIARE

 

Uno scorcio del parco del presidio con altare alla Madonna

PECULIARITÀ DELL’INTERVENTO RIABILITATIVO NEGLI ANZIANI: LA RISPOSTA DEL PRESIDIO RIABILITATIVO “MONS. POGLIANI”

Il percorso riabilitativo diventa necessariamente più complesso se alla disabilità da riabilitare si associa anche la fragilità derivante dall'età molto avanzata, perché l'anziano fragile è affetto da multimorbidità, sottoposto a trattamenti farmacologici complessi, frequentemente clinicamente instabile, a volte incontinente, con problemi nutrizionali, spesso affetto da degrado cognitivo o demenza, da sarcopenia, da osteoporosi, aumentato rischio di cadute,etc.
Queste specificità cliniche aumentano sostanzialmente il grave rischio di perdita o peggioramento della autonomia e riducono notevolmente le capacità del paziente di aderire pienamente ai programmi riabilitativi.
La perdita e peggioramento dell'autonomia sono legate, inoltre, alle problematiche sociali che riducono il supporto da parte della rete familiare compromettendo ulteriormente l'efficacia dell'intervento riabilitativo, soprattutto ove si consideri che la solitudine e la perdita di integrazione sociale costituiscono “malattia dell'anziano”.

 

 

LE RISPOSTE DEL PRESIDIO RIABILITATIVO “MONS. POGLIANI” ALLE PECULIARITÀ DELL’UTENZA ANZIANA

  • Presenza nel team di medici internisti, della guardia medica interna per il trattamento ottimale delle comorbilità
  • Assessment e programmi preventivi per le lesioni da pressione e le cadute
  • Supporto psicologico laddove necessario per incrementare la compliance ai trattamenti riabilitativi
  • Collaborazione con i servizi sociali territoriali per le problematiche di pertinenza

Questo sito utilizza i cookie che permettono di migliorare la tua navigazione.
Proseguendo autorizzi l’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni, o per modificare le preferenze leggi la nostra Informativa sulla Privacy clicca qui.
Ho letto l'informativa e accetto